Località: Trove (TN)

Quota: 1.525 m

Telefono: +39 0461-1851538

Fax: -

Gestore: Sartori Umberto

Telefono gestore: +39 348/7289560

Sito: www.rifugiolamontanara.it

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Descrizione

Dal balcone naturale dietro al rifugio Montanara la vista corre dalle sponde del lago di Molveno, sale tra le fitte foreste di abeti fino a profili di monti: la Brenta alta, il Castello dei Massodi, gli Sfulmini. Poi inevitabilmente si sofferma su quello più insolito e quasi incredibile: il Campanil Basso, l’ardita guglia che è un po’ il simbolo del Gruppo di Brenta, per non parlare della vertiginosa parete del Croz dell’Altissimo. Il rifugio è aperto da maggio a ottobre e nei periodi di Natale e Pasqua. Dispone di 26 posti letto. Il rifugio La Montanara riaprirà per il ponte di aprile dal 23 al 25 aprile e per tutti i fine settimana di maggio, dal 28 maggio al 02 ottobre aperto tutti i giorni.

Accessi

da Andalo strada carrozzabile fino a Pradèl. Poi con seggiovia o con un sentiero in circa 30'.

Itinerari raccomandati

dal rifugio Montanara una facile meta consigliata è la vetta del Cròz dell’Altissimo 2.339 m, a circa due ore e mezzo di cammino, uno splendido balcone sulla catena centrale del Brenta dove spicca la rossa e verticale parete di Cima Brenta (sentieri 352/b e 344b) ; o ancora il Pizzo Gallino 2.242 m, che si affaccia sul solitario Gruppo della Campa (sentieri 352b e 353). Ma la imponente parete del Cròz dell’Altissimo (sono circa 900 metri di sviluppo) la si può ammirare anche dal basso, raggiungendo l’omonimo rifugio dopo aver percorso il caratteristico sentiero “Delle grotte” (segnavia n. 340b) che si innesta su quello proveniente da Pradèl. Una lunga ma interessante attraversata porta dal rifugio al Passo dei Lasteri e al Passo Clamer. Da qui si scende a Malga Spora per risalire al Passo della Gaiarda 2.242 m, (sentiero n. 301); si scende poi nella Valle di S. Maria Flavona, si risale al Passo del Grostè (ore 6) o si scende al Lago di Tovel (ore 5).